Seleziona una pagina

Si, la crisi provocata dal Covid-19 cambierà il marketing.

La crisi provocata dal Coronavirus,  avrà risvolti enormi sull’economia globale, ad oggi le stime parlano di una diminuzione della crescita del PIL mondiale di circa lo 0,5%.

Naturalmente la crisi colpirà tutti i settori merceologici e di conseguenza le aziende si stanno muovendo per affrontarla.
Una delle funzioni aziendali che subirà maggiormente l’effetto della crisi sarà appunto il marketing.

Secondo Doxa, il 45% delle aziende effettuerà tagli sulle attività di marketing ed inoltre il 49% diminuirà gli investimenti di advertising. Ma quindi la situazione è così tragica?

Il marketing tradizionale non se la passa bene, ma il marketing digitale?

Questa quarantena forzata, ha portato la maggior parte degli italiani a confrontarsi con il mondo del digital, la conseguenza è un uso maggiore dei device digitali a scapito di quelli tradizionali. In Italia il traffico Internet è aumentato fino al 40% e si dirige soprattutto verso i social media (+30%), la messaggistica istantanea, i video (soprattutto in live streaming) ed i giochi. A farne le spese sono sicuramente gli eventi e l’Out of Home, ma anche la stampa e la TV.

I personaggi e brand già presenti sui canali digitali, ne hanno approfittato aumentando la frequenza di pubblicazione e soprattutto sfruttando i social attraverso le live ed i contenuti real-time( vedi McDonald’s e Burger King).

Ma questo aumento dei consumi digitali sarà di lungo termine?

Il Coronavirus ha cambiato i consumatori

Il lock down ha cambiato le abitudini di tutti gli italiani, anche dei meno famigliari con i mezzi digitali. I dati (Nielsen), parlano di un aumento dell’e-commerce dell’80% rispetto lo scorso anno, i beni più acquistati sono stati beni di prima necessità come: il cibo, bevande e vestiti, a riprova del fatto che questi canali sono stati utilizzati anche da un pubblico meno abituale.

La crisi provocata dal Coronavirus sarà quasi certamente una catastrofe, dal punto di vista economico paragonabile alla crisi del 2008, ma da questa situazione potrebbe nascere una grande opportunità!

Coronavirus e marketing digitale

Il marketing digitale post Coronavirus

Ci sarà un marketing pre-covid e un marketing post-covid. Questa crisi imporrà alla maggior parte delle aziende, che non sfruttano ancora i canali digitali ad effettuare investimenti sul marketing digitale e sul social media marketing. Questa transizione sarà obbligatoria perché i comportamenti di acquisto di tutti i consumatori sono cambiati.

Il posizionamento sui social non sarà più un’opzione, diventerà fondamentale trasmettere i propri valori aziendali, non solo nel punto vendita ma anche sui canali digitali. Il marketing digitale ed i social media diventeranno per le piccole imprese l’unico modo per sopravvivere e per provare a contrastare i player più grandi che ovviamente sono già ben posizionati.

Come possono affrontare la crisi le piccole imprese?

Le piccole imprese, devono riconvertirsi al marketing digitale, iniziare ad associare dei valori al loro brand (meglio se autentici, molto meglio), posizionarsi nella mente dei consumatori e differenziare la comunicazione social e digitale dalla massa.

L’utilizzo dei social e delle relative piattaforme di advertising diventerà essenziale, l’introduzione di un social media manager e di un piano editoriale vitale per il coinvolgimento dei clienti.

Instagram Marketing e Coronavirus

Il marketing digitale salverà l’economia italiana?

Per uscire dalla crisi post-Coronavirus serviranno sicuramente manovre economiche di spessore, probabilmente a livello comunitario e mondiale. Il marketing digitale non sarà la soluzione di tutti i nostri problemi, il ritorno alla normalità economica sarà lento e difficile. La digitalizzazione (anche se forzata) degli italiani però, fa ben sperare e sicuramente andrà a cambiare le carte in gioco.

L’unica cosa che le aziende italiane possono fare in questo momento, è preparasi all’inevitabile… Ormai lavoriamo tutti nel digitale, anche chi crede l’incontrario.

Il marketing tradizionale sta morendo quindi lunga vita al marketing digitale!