Seleziona una pagina

Oggi parliamo dell’avvento di TikTok, ma vediamo prima cos’è.

Che cos’è TikTok ?

TikTok, noto anche come Douyin in Cina, è un social network cinese creato nel 2015 da Alex Zhu e Luyu Yang e lanciato nel settembre 2016, inizialmente col nome Musical.ly.

Attraverso l’app, gli utenti possono creare brevi clip musicali di durata variabile tra i 15 e i 60 secondi ed eventualmente modificare la velocità di riproduzione, aggiungere filtri ed effetti particolari ai loro video.

Le clip comprendono balletti, mini-sketch comici, parodie musicali o lip-sync e sono caratterizzate per un montaggio velocissimo e intuitivo. Molte di queste sono delle challenge, il collante di questa applicazione, ovvero “sfide” virali che coinvolgono pubblico e utenti. 

TikTok in numeri

Ma parliamo di numeri, TikTok a Febbraio risulta essere stata l’app più scaricata di tutte superando i must-have come YouTube, Instagram, Whatsapp, e Messenger. 

Pensate che solo in Cina, questa conta più di mezzo miliardo di utenti attivi, per una media mondiale di 52 minuti al giorno per ciascun utente.

In Italia invece, conta più di 3 milioni di utenti attivi che però sono in forte crescita, soprattutto dopo che recentemente sono approdate diverse celebrities.

tiktok numeri

Cosa rende speciale TikTok?

Ma cos’è che attira e cattura cosi tanti teenager rispetto ad altri social?

Quello che possiamo dire con certezza è che ci sono due fattori principali. Il primo è il suo funzionamento: semplice, veloce e moderno, il secondo è la community che abita questa piattaforma, il fatto che sia capillare, una rete di persone che va al di là della lingua o del paese a cui appartiene.

Altri fattori molto importanti sono legati al formato dei contenuti su TikTok, i video. Quest’ultimi si presentano sull’app in sequenza e questo fa sì che le persone siano ignare del tempo che passano a guardarle.

È facile lasciarsi trasportare e constatare la componente di assuefazione: ne vedo ancora uno, ancora due, ancora questo, eccetera. Inoltre i contenuti su TikTok sono per la maggioranza contenuti positivi, allegri, spiritosi e leggeri.

C’è già chi dice che questo sarà il futuro e chi dice che rimpiazzerà Instagram. D’altronde è comprensibile, i target di diversi social network, si sono evoluti e sono cambiati nel tempo. 

Basti pensare a Facebook, oggi i teenager lo considerano “passato”.

tiktok giovani

TikTok e la quarantena

Durante questo periodo di reclusione, anche chi pensava che si non sarebbe mai avvicinato a questo social, alla fine poi, l’ha fatto. Infatti la piattaforma molto chiacchierata durante questo periodo, ha superato la quota dei 2 miliardi di download.
A comunicare l’ottimo risultato è stata Sensor Tower, società di analisi, specializzata nel monitorare l’andamento delle app in termini di download e guadagni sulle piattaforma Android e iOS.

I dati sono stati comunicati a seguito della chiusura del primo trimestre del 2020, registrando che TikTok è stata scaricata 315 milioni di volte.

È insindacabile quindi che l’arrivo della pandemia abbia fatto sì che, con la chiusura delle scuole e di molte altre attività, molti dei giovani (e non) costretti a restare a casa, si riversassero sull’app cinese. Il risultato quindi, è stato l’arrivo in massa di nuovi utenti, pronti a sfruttare ciò che TikTok ha da offrire: uno spazio (seppur virtuale) per evadere dalla monotonia e dalle regole stringenti della quarantena

A causa di questo flusso di utenti, molte associazioni hanno deciso di buttarsi, per sfruttare la piattaforma e fare informazione.

Alcune di queste sono: l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che divulgava gli aggiornamenti per tenere informati gli utenti e la Croce Rossa Italiana, utilizzando come protagonisti i suoi volontari, sempre in prima linea, per aiutare il prossimo e per ricordarci di tutelare la nostra salute e quella degli altri.

Su questi profili era possibile effettuare delle donazioni, per questo motivo molti influencer hanno deciso di creare delle dirette e fare delle raccolte fondi.

Gli Uffizi sbarcano su Tik Tok 

Ebbene si, la Galleria degli Uffizi, uno dei più importanti musei al mondo, decide di raggiungere i più giovani nel loro nuovo punto di ritrovo: Tik Tok.

tiktok uffizi

Il museo approda sulla piattaforma e lo fa con un linguaggio moderno e divertente.

Le clip infatti mostrano, con ironia, i problemi comuni che abbiamo riscontrato durante questa quarantena e come di conseguenza si stanno comportando le opere d’arti più belle al mondo.

Ad esempio, uno dei dispiaceri maggiori per i ragazzi in questo momento, è il fatto di non poter passare le serate con i propri amici a divertirsi ed è lo stesso dispiacere che appartiene al Cavaliere Pietro Secco Suardo, dipinto del ‘500 di Giovanni Battista Moroni, che si aggira per i corridoi vuoti degli Uffizi in cerca di una festa con in sottofondo l’ultima hit di Fedez, oppure, quello della Venere di Urbino di Tiziano che si trova costretta a passare la serata in pigiama a casa.

Per molti altri, è la chiusura di estetiste e parrucchieri, infatti abbiamo la Maddalena di Tiziano e la Giuditta con la testa di Oloferne, opera di Cristofano Allori, che si confrontano e lamentano sugli “effetti collaterali” della quarantena, tra cui questo divieto.

Infine, abbiamo i duchi di Urbino, i coniugi Battista Sforza e Federico da Montefeltro, dipinti da Piero della Francesca, che discutono sull’impossibilità di uscire di casa a causa delle restrizioni per rallentare il contagio. E non ne sono d’accordo.

Tutto questo ci dimostra che il museo, specialmente per i più piccoli, non deve essere visto come un luogo noioso e antico, ma come un luogo dove poter imparare divertendosi, guardando le opere e i personaggi che ne fanno parte; non più come un qualcosa di passato, lontano da noi, ma come nostri simili con gli stessi problemi o desideri.

Voi cosa ne pensate?

Beatrice